M&G (Lux) Global Emerging Markets Fund

Obiettivo e politica d’investimento

Obiettivo

Il fondo punta a generare, attraverso una combinazione di reddito e crescita di capitale, un rendimento maggiore rispetto a quello del mercato globale delle azioni dei paesi emergenti, in qualsiasi orizzonte d’investimento di cinque anni.

Politica e strategia d’investimento

Investimenti core: Almeno l’80% del fondo è investito in azioni di società che hanno sede, o che operano prevalentemente, nei mercati emergenti. Il fondo può investire in Azioni A cinesi tramite lo Shanghai-Hong Kong Stock Connect e lo Shenzhen-Hong Kong Stock Connect.

Altri investimenti: Il fondo può investire in altri fondi, e in liquidità o altri attivi facilmente monetizzabili.

Derivati: Il fondo può avvalersi di derivati per ridurre i rischi e i costi di gestione del fondo.

Strategia in breve: Il gestore degli investimenti seleziona i titoli applicando un approccio di tipo bottom-up in un ventaglio di settori. Viene adottata un’ottica di lungo periodo per individuare le società le cui prospettive a lungo termine, a parere del gestore degli investimenti, appaiono sottovalutate. Il gestore degli investimenti ritiene fortemente che il prezzo delle azioni nel lungo periodo sia determinato da fattori relativi alla governance societaria e anche specifici delle società interessate, in particolare la redditività (misurata in termini di rendimento del capitale).

L’esposizione geografica e settoriale del fondo non è influenzata da una visione di tipo top-down.

Indice di riferimento: MSCI Emerging Markets Net Return Index

Il benchmark è un termine di paragone rispetto al quale è possibile misurare le performance del fondo. Si tratta di un indice a rendimento netto, che comprende dividendi al netto delle ritenute d’acconto. L’indice è stato scelto come parametro di riferimento del fondo in quanto riflette al meglio l’ambito di applicazione della politica d’investimento del fondo. Il benchmark viene utilizzato esclusivamente per misurare le performance del fondo e non limita la costruzione del portafoglio del fondo.

Il fondo è gestito attivamente. Il gestore degli investimenti ha piena libertà nella scelta di quali investimenti acquistare, detenere e vendere nel fondo. Le partecipazioni del fondo possono discostarsi in modo significativo dai componenti del benchmark.

Per le classi di azioni prive di copertura e con copertura, il benchmark è indicato nella valuta della classe di azioni.

Ulteriori informazioni sull'obiettivo e la politica d’investimento del fondo sono disponibili nel Prospetto.

Di seguito sono riportati i rischi principali che potrebbero influenzare i risultati

Il valore e il reddito derivante dalle attività del fondo potrà scendere, ma anche salire. Ciò determinerà una flessione o un aumento del valore del vostro investimento. Non vi è alcuna garanzia che il fondo consegua il proprio obiettivo ed è possibile che recuperiate un importo inferiore a quello inizialmente investito.

L’investimento nei mercati emergenti comporta un rischio di perdita maggiore riconducibile, tra gli altri fattori, a rischi economici, valutari, di liquidità e regolamentari. Potrebbero sorgere delle difficoltà di acquisto, vendita, custodia o valutazione degli investimenti in tali paesi.

Il fondo può essere esposto a varie valute. Le fluttuazioni dei tassi di cambio possono incidere negativamente sul valore del vostro investimento.

Il fondo può investire in azioni A cinesi. Gli investimenti in attività della Repubblica Popolare Cinese sono soggetti a condizioni politiche, normative ed economiche mutevoli, che possono creare difficoltà nella vendita o nell’ottenimento del relativo reddito. Inoltre, tali investimenti avvengono tramite i sistemi “Stock Connect”, che possono essere più sensibili al rischio di compensazione, regolamento e controparte. Questi fattori potrebbero determinare una perdita a carico del fondo.

Il processo di copertura punta a minimizzare, ma non può eliminare, l’effetto delle fluttuazioni dei tassi di cambio sul rendimento della classe di azioni oggetto di copertura. La copertura limita altresì la capacità di guadagno riconducibile a fluttuazioni favorevoli dei tassi di cambio.

In circostanze eccezionali in cui non sia possibile valutare equamente le attività, ovvero sia necessario venderle a un importo ampiamente scontato al fine di raccogliere liquidità, potremmo sospendere temporaneamente il fondo nel miglior interesse di tutti gli investitori.

Il fondo potrebbe perdere denaro, laddove una controparte con cui operi non voglia oppure non possa rimborsare il denaro dovuto al fondo.

Ulteriori dettagli sui fattori di rischio applicabili al fondo sono riportati nel Prospetto e nel documento contenente le informazioni chiave per gli investitori (KIID).

Altre informazioni

Il fondo investe principalmente in azioni societarie, pertanto potrebbe subire oscillazioni di prezzo più ampie rispetto ai fondi che investono in obbligazioni e/o liquidità.


La pagina web della performance di questo fondo è attualmente in fase di riconfigurazione. Nel frattempo, per informazioni relative alla performance, si prega di consultare l’ultima scheda prodotto del fondo, che si trova nella sezione Documentazione.

Team del comparto

Michael Bourke - Gestore

Michael Bourke è entrato in M&G a marzo del 2015 come analista, incaricato di fornire supporto analitico al team Emerging Markets Equities. È stato nominato gestore di M&G (Lux) Emerging Markets Income Opportunities Fund al lancio del fondo, a maggio 2017. A settembre 2018 è subentrato a Matthew Vaight nel ruolo di gestore di M&G Global Emerging Markets Fund.

Michael ha 18 anni di esperienza nel campo degli investimenti. Prima di approdare in M&G, ha lavorato per dieci anni come analista azionario dei mercati emergenti e gestore di portafogli per Legg Mason e FPP Asset Management. In precedenza, aveva collaborato con Deutsche Bank ricoprendo vari ruoli, da trader di derivati azionari fino a quello più recente di analista senior/co-gestore nella divisione di trading proprietario di derivati azionari.

Si è laureato in Scienze informatiche e contabilità presso la University of Manchester e ha conseguito un master in Finanza e servizi bancari internazionali alla Heriot-Watt University.

 Accedi al profilo
Alastair Bruce

Alastair Bruce - vice gestore

Alastair Bruce è co-vice gestore di M&G (Lux) Global Emerging Markets Fund sin dal lancio del fondo, nell’ottobre 2018. È entrato in M&G subito dopo la laurea nel 2011 ed è membro del team azionario Paesi Emergenti dal 2015. Si è laureato in economia presso l’università di Bath e ha conseguito la qualifica di CFA.

 Accedi al profilo
Alice Charmoy

Alice de Charmoy - vice gestore

Alice de Charmoy ricopre il ruolo di vice gestore di M&G (Lux) Global Emerging Markets Fund sin dal suo lancio, avendo lavorato come analista dedicata per il fondo e per M&G (Lux) Asian Fund. Alice è entrata in M&G nel giugno del 2013, dopo aver lavorato presso Comgest a Hong Kong, dove si occupava dell'analisi di imprese asiatiche. In precedenza, Alice ha lavorato presso Amiral Gestion in qualità di analista nell'azionario globale. Si è laureata nel 2005 presso l'Université Paris Dauphine con un master in banking e finance. Ha inoltre ottenuto la qualifica di Chartered Finalcial Analyst (CFA).

 Accedi al profilo

Ratings

Il rating è attribuito alla classe di azioni

2 Star Rating

Rating al 28.02.20. Morningstar Overall Rating. Copyright © 2019 Morningstar UK Limited. Tutti i diritti riservati. The Morningstar Analyst Rating™. © 2019 Morningstar. Tutti i diritti riservati. Morningstar e i relativi fornitori di contenuti declinano ogni responsabilità per eventuali perdite o danni derivanti da qualsivoglia utilizzo di queste informazioni. I rating non sono da intendersi come una raccomandazione.

Per ulteriori informazioni

Il presente sito è concepito ad uso esclusivo degli investitori qualificati ed è fornito ad esclusivo uso personale. Le informazioni contenute in questo sito non sono rivolte ad altri utenti.

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.