Global Government Bond Fund

ISIN
GB00BMP3RV75

NAV (24.04.2019)
12.80

Variazione (%)
0.30

Obiettivo e politica d’investimento

Obiettivo

Il fondo intende generare reddito e crescita del capitale.

Politica e strategia d’investimento

Investimento core: Almeno il 70% del fondo è investito in obbligazioni investment grade (di qualità elevata), emesse da governi o garantiti da governi di qualunque paese del mondo. 

Altri investimenti: Il fondo investe inoltre in obbligazioni con un rating di credito inferiore a investment grade, emesse da governi o garantite da governi. Inoltre, può possedere liquidità e attività che possono essere trasformate rapidamente in contanti. 

Uso dei derivati: È possibile ricorrere ai derivati per investire direttamente in obbligazioni, ridurre i rischi e i costi, nonché per gestire l’impatto dei cambiamenti nei tassi di cambio sugli investimenti del fondo. 

Sintesi della strategia: Il gestore del fondo seleziona gli investimenti in base a una valutazione dei fattori macroeconomici, come crescita economica, tassi d’interesse e inflazione.

Questa analisi identifica le singole obbligazioni governative di diversi paesi in cui, a parere del gestore, il fondo dovrebbe investire per conseguire il proprio obiettivo. L’analisi influenza inoltre le valute a cui il fondo sarà esposto. Il gestore è coadiuvato nella selezione delle singole obbligazioni governative da un sub-gestore del fondo e da un team interno di analisti. Il fondo è diversificato poiché investe in un’ampia gamma di obbligazioni governative di tutto il mondo. 

Glossario 

Obbligazioni: Prestiti a governi e società che corrispondono un interesse. 

Derivati: Contratti finanziari il cui valore dipende da altre attività.

Di seguito sono riportati i rischi principali che potrebbero influenzare i risultati

Il valore degli investimenti e il reddito da essi generato aumenteranno e diminuiranno. Di conseguenza, anche il prezzo del fondo e l’eventuale reddito da esso corrisposto saranno soggetti a oscillazioni al rialzo e al ribasso. Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo del fondo verrà realizzato ed è possibile che non si riesca a recuperare l’importo iniziale investito.

Le variazioni dei tassi di cambio influenzeranno il valore dell’investimento.

Il fondo può fare ricorso a strumenti derivati al fine di sfruttare a proprio vantaggio un movimento al rialzo o al ribasso del valore di un determinato attivo (ad esempio le obbligazioni di una società). Tuttavia, se il valore di tale attivo varia in una direzione diversa da quella preventivata, il fondo può subire una perdita.

Quando i tassi d’interesse aumentano, il valore del fondo potrebbe diminuire.

Il valore del fondo potrà diminuire qualora l’emittente di un titolo a reddito fisso detenuto in portafoglio non sia in grado di corrispondere gli interessi previsti o di rimborsare il proprio debito (circostanza nota come insolvenza).

Il fondo investirà su mercati emergenti, i quali, in genere, sono di minori dimensioni e più sensibili a fattori economici e politici, e dove gli investimenti sono acquistati e venduti con minore facilità. In casi eccezionali, il fondo potrebbe trovare difficoltà nel vendere tali investimenti o nel riscuotere il reddito da essi generato, con conseguenti perdite a carico del fondo stesso. In casi eccezionali, ciò potrebbe determinare la sospensione temporanea della negoziazione in azioni del fondo.

Qualora le condizioni di mercato rendessero difficile la vendita degli investimenti del fondo a un prezzo ragionevole per soddisfare le richieste di cessione dei clienti, potremmo sospendere temporaneamente le negoziazioni delle azioni del fondo.

Alcune operazioni effettuate dal fondo, quale ad esempio il deposito di contanti, richiedono l’impiego di altre istituzioni finanziarie (ad esempio le banche). Se una di queste istituzioni dovesse divenire inadempiente o insolvente, il fondo potrebbe subire una perdita.

Altre informazioni

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.

Il fondo può investire più del 35% del portafoglio in titoli governativi di uno o più dei Paesi elencati nel prospetto informativo.  Tale esposizione può essere combinata con l’uso di strumenti derivati nel perseguimento dell’obiettivo del fondo.  Attualmente si prevede che l’esposizione del fondo a questi titoli potrebbe superare il 35% per quanto riguarda le emissioni governative di Germania, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti, anche se sono possibili delle variazioni, in base ai soli Paesi elencati nel prospetto.

Per questo Fondo è consentito un ampio ricorso ai derivati.

Performance

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito. Il livello di qualsiasi reddito generato dal Fondo è soggetto a oscillazioni. Le performance passate non sono indicative dei risultati futuri.

Si ricorda che, per l’Italia, le statistiche sulla performance sono valutate al lordo delle imposte italiane sull’utile di capitale.


L’indice comparativo di performance del fondo è cambiato il 1 giugno 2013, il 1 luglio 2014 e il 1 luglio 2016.

La performance passata indicata dalla data selezionata al 31 maggio 2013 si riferisce all'indice CITI Group Non GBP World Government Bond. La performance passata indicata per il periodo 1 giugno 2013-30 giugno 2014 si riferisce all'indice Barclays Global Aggregate Treasury Custom 3bn. La performance passata indicata per il periodo 1 luglio 2014-30 giugno 2016 si riferisce all'indice Barclays Global Treasury. A partire dal 1 luglio 2016, il fondo non ha più un indice comparativo di performance.

Fonte: NAV: State Street. Performance: Morningstar. Per le classi di azioni non denominate in sterline la performance è calcolata sulla base del prezzo di offerta, con utile lordo reinvestito. I dati di performance potrebbero non riflettere tutte le commissioni. Si prega di notare che, laddove indicati, i dati di performance della categoria Morningstar nella presente sezione provengono dal database predefinito di Morningstar, contenente tutte le classi di azioni per ogni fondo disponibili in Europa, Asia e Africa. Questi dati possono differire dai dati del settore comparativo delle schede prodotto di M&G, che provengono dallo stesso database, ma mostrano esclusivamente la classe di azioni più appropriata a rappresentare ciascun fondo, e unicamente per i fondi disponibili in Europa. Né Morningstar né i suoi fornitori di informazioni possono garantire la precisione, la completezza, la puntualità o la corretta sequenza delle Informazioni presenti sul sito, ivi comprese, a mero titolo esemplificativo, le Informazioni provenienti da Morningstar, concesse in licenza a Morningstar dai fornitori di informazioni, o ancora raccolte da Morningstar attingendo a fonti pubbliche. Le Informazioni potrebbero essere viziate da ritardi, omissioni o inesattezze.

Team del comparto

Claudia Calich

Claudia Calich - Gestore

Claudia Calich è entrata in M&G a ottobre 2013 come specialista del debito dei mercati emergenti ed è stata nominata gestore di M&G (Lux) Emerging Markets Hard Currency Bond Fund al momento del lancio, a maggio 2017. Oltre a gestire M&G Emerging Markets Bond Fund da dicembre 2013, a luglio 2015 ha assunto la gestione di M&G Global Government Bond Fund e il ruolo di vice gestore di M&G Global Macro Bond Fund. Claudia ha oltre 20 anni di esperienza nei mercati emergenti: dopo aver svolto vari ruoli all'interno di Oppenheimer Funds, Fuji Bank, Standard & Poor's e Reuters, nell'ultimo periodo è stata gestore senior presso la sede Invesco di New York. Laureata con lode in economia alla Susquehanna University nel 1989, ha conseguito un master in economia internazionale alla International University of Japan di Niigata.

 Accedi al profilo
Jim Leaviss

Jim Leaviss - vice gestore

Jim è entrato in M&G nel 1997, dopo cinque anni alla Banca d'Inghilterra, ed è il responsabile del team Fixed Interest di M&G Oltre a guidare il team, Jim gestisce M&G (Lux) Global Macro Bond Fund ed è co-gestore di M&G (Lux) Absolute Return Bond Fund, nonché vice gestore di M&G Global Government Bond Fund (OEIC autorizzato in Regno Unito).

 Accedi al profilo
Pierre Chartres

Pierre Chartres - Consulente di investimento

Pierre Chartres è arrivato in M&G a luglio 2013 da BNY Mellon Asset Management, dove ha lavorato per sette anni, occupandosi negli ultimi tempi di progettazione, sviluppo e gestione di soluzioni di investimento multi-asset e multi-manager, come esperto di strategie di portafoglio.

In precedenza, ha avuto un'esperienza di due anni e mezzo in Natixis Asset Management a Parigi.

Ha una laurea specialistica in economia e finanza conseguita alla ESSCA Business School di Angers, in Francia, e la qualifica di Chartered Financial Analyst (CFA).

 Accedi al profilo

Ratings

Il rating è attribuito alla classe di azioni

5 Star Rating

Per ulteriori informazioni

Cyveillance Protected

Il presente sito è concepito ad uso esclusivo degli investitori qualificati ed è fornito ad esclusivo uso personale. Le informazioni contenute in questo sito non sono rivolte ad altri utenti.

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.