Le informazioni contenute in questo sito sono destinate esclusivamente a investitori qualificati.

Gli investitori privati non possono ricorrere o affidarsi alle informazioni contenute in queste pagine.

Si raccomanda di leggere la sezione “Termini e Condizioni” prima di navigare nel sito.

Selezionare l’opzione sulla destra per confermare di essere un investitore qualificato e di voler continuare.

Tipo di investitore

Sostenibilità: un risvolto positivo per questo clima di paura?

05/03/2020

Al di là del drammatico impatto del coronavirus nel breve termine, è possibile che l'epidemia si trasformi in un involontario agente di cambiamento?

La paura è tornata di prepotenza sui mercati e l'epidemia di coronavirus domina completamente la narrazione.

L'ultima settimana di febbraio ha visto la correzione più grave sui mercati azionari dai tempi della crisi finanziaria del 2008, con i timori per la rapida diffusione del virus fuori dalla Cina all'origine del crollo più rapido dell'indice S&P 500 dall'epoca della Grande depressione degli anni Trenta.

47771C187CCC49A983C6956FC87C5195

Le ripercussioni economiche a più lungo termine restano la grande incognita. Il numero di nuovi casi in Cina apparentemente sta rallentando, ma in Europa e altrove continua ad aumentare. Ci sono due fonti di impatto economico: il lato della domanda, con le compagnie aeree e gli alberghi chiaramente più colpiti, e quello dell'offerta, data la natura complessa, integrata e globale delle catene di fornitura. Gli investitori azionari cominciano a valutare le conseguenze per i settori globali del commercio e dei viaggi, mentre fra quelli obbligazionari cresce la paura che la diffusione del virus in tutto il mondo porti a una recessione globale.

Le azioni globali hanno chiuso il mese in calo, con l'indice MSCI All Countries World che ha lasciato sul terreno l'8,0% in termini di dollari USA, il peggior risultato mensile da maggio 2012. Con la preoccupazione per il virus dilagante in Giappone, Europa e Stati Uniti, i mercati sviluppati hanno sottoperformato quelli emergenti. In forte affanno l'Europa, dove l'epidemia si è propagata rapidamente in Italia, ma è stato il Regno Unito a segnare l'andamento peggiore, dopo che Mark Carney ha dichiarato che la crescita del Paese potrebbe essere intaccata.

1EF62724B18649089E2ACBCD3FFA847B

Intanto il greggio Brent ha perso il 17% dal livello più alto toccato a metà mese. L'unica nota positiva è arrivata dai beni rifugio come i Treasury a 10 anni, i bund e il dollaro USA, favoriti dal tentativo degli investitori di proteggere i portafogli. I rendimenti sui Treasury USA si sono avvicinati ai minimi record mentre fra gli investitori è aumentata l'aspettativa di interventi delle banche centrali per attutire il colpo sulla crescita economica.

Nel breve termine è inevitabile che il virus abbia un impatto sull'economia, ma l'influenza che avrà in un'ottica più estesa rimane tutta da vedere. Possibile che il virus imprima una svolta permanente alle catene logistiche e di fornitura? L'epidemia si è manifestata in un momento di forte disagio sociale, attriti commerciali e populismo in ascesa. La propagazione del Covid-19 mette in evidenza le insidie della maggiore interdipendenza globale e la sfida di una governance globale. I governi devono trovare un equilibrio fra gli imperativi sanitari, economici e sociali sulla base di informazioni incerte e in continua evoluzione, cercando anche di tenere conto del comportamento umano. Con la tecnologia e le normative sul lavoro agile che consentono oggi a più persone di lavorare da casa, è possibile che questo diventi la norma?

Al di là dei drammatici effetti a breve termine del coronavirus, possiamo immaginare anche un risvolto incoraggiante in un orizzonte di lungo periodo? Nello specifico, è possibile vedere un lato positivo in questa epidemia, per le ambizioni di sostenibilità della Cina e del mondo? I 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell'ONU invocano azioni urgenti da parte di tutti gli Stati membri e riconoscono che lo sforzo per mettere fine alla povertà deve procedere di pari passo con strategie mirate a migliorare la salute e l'istruzione, ridurre la disuguaglianza e stimolare la crescita economica, affrontando nel contempo il cambiamento climatico per tutelare i nostri oceani e le nostre foreste.

4E8D63ABEBD24C3D891203F83CC19AD8

La Cina ha fatto progressi enormi ad esempio per la riduzione della povertà, l'agricoltura sostenibile e l'energia rinnovabile, ma le dimensioni e la complessità del Paese rendono particolarmente difficile perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile. Il Covid-19 potrebbe rivelarsi accidentalmente un agente di cambiamento. Garantire una vita sana e promuovere il benessere sono elementi essenziali dello sviluppo sostenibile. Il virus ha rivelato i limiti del sistema sanitario cinese: anche se costruire due ospedali in dieci giorni è senz'altro un traguardo strabiliante, sarebbe un bene se l'epidemia avesse messo in luce le crepe del settore della salute, che ha urgente bisogno di maggiore coinvolgimento e impegno per eradicare una vasta gamma di malattie e problemi sanitari che si stanno manifestando.

La recente decisione della Cina di accelerare l'approvazione del divieto al commercio e al consumo di animali selvatici è una diretta conseguenza dell'epidemia di coronavirus. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, quasi tre quarti di tutte le epidemie degli ultimi decenni sono partite dagli animali e questo divieto temporaneo potrebbe essere un primo passo verso una messa al bando permanente che darebbe un impulso enorme alla lotta globale contro il traffico illegale.
Il cambiamento climatico è un altro aspetto in gioco. Le misure adottate per frenare la diffusione del coronavirus hanno ridotto drasticamente le emissioni di gas serra in Cina. I satelliti della NASA e dell'Agenzia Spaziale Europea che monitorano l'inquinamento hanno rilevato sopra la Cina, tra gennaio e febbraio, forti cali dei livelli di biossido di azoto, un gas nocivo emesso da automobili, centrali elettriche e impianti industriali, e questo cambiamento è almeno in parte riconducibile alla quarantena disposta a seguito dell'epidemia. Se da un lato riflette il danno economico subito dalla Cina, dall'altro mostra anche uno spiraglio di futuro con meno emissioni. La Cina è la principale fonte di emissioni di gas serra al mondo. Anche se questa riduzione è solo momentanea e probabilmente i livelli risaliranno appena l'attività riparte, questi dati potrebbero indurre il governo cinese a riflettere sulla struttura della propria economia e gli sforzi necessari per renderla più sostenibile.

C90C91099EB8462BB07972657FC78A68

Le quarantene, non solo in Cina ma su scala mondiale, hanno anche imposto a molti di lavorare da casa, costringendo numerose società a ripensare il loro modo di lavorare per restare produttive. L'uso più efficace di video e teleconferenze potrebbe aiutare le aziende a modificare le abitudini di viaggio d'ora in avanti, con conseguenti benefici in termini di risparmio di tempo e denaro, ma anche per gli obiettivi di decarbonizzazione.

Gli shock come le epidemie spesso rendono vulnerabili le società globali. Il Covid-19 può diventare un motivo in più, oltre alle misure di stampo protezionista e alla crescente attenzione dei consumatori per le condizioni di lavoro e gli standard di sostenibilità, perché le aziende rivalutino l'esposizione di tutta la catena di fornitura.

Inoltre, l'epidemia sottolinea che la collaborazione globale resta un bene assolutamente necessario: il mondo ha bisogno di governi e aziende che lavorino insieme verso un obiettivo comune. Le società che investono nella resilienza strategica, operativa e finanziaria contro i rischi globali emergenti saranno meglio equipaggiate per reagire e riprendersi. Questo ribadisce il valore degli aspetti ESG per gli investitori a lungo termine, nella misura in cui offrono un valido punto di vista alternativo su temi di importanza cruciale per i mercati e le economie in questo momento.

Il valore e il reddito degli asset del fondo potrebbe diminuire così come aumentare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso del valore dell’investimento. Non vi è alcuna garanzia che l’obiettivo del fondo verrà realizzato ed è possibile che non si riesca a recuperare l’importo iniziale investito.

Il presente sito è concepito ad uso esclusivo degli investitori qualificati ed è fornito ad esclusivo uso personale. Le informazioni contenute in questo sito non sono rivolte ad altri utenti.

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.