Le informazioni contenute in questo sito sono destinate esclusivamente a investitori qualificati.

Gli investitori privati non possono ricorrere o affidarsi alle informazioni contenute in queste pagine.

Si raccomanda di leggere la sezione “Termini e Condizioni” prima di navigare nel sito.

Selezionare l’opzione sulla destra per confermare di essere un investitore qualificato e di voler continuare.

Questo sito utilizza cookie

Il sito è impostato su “consenti cookie” per garantire all’utente una navigazione ottimale. Per ulteriori informazioni sui cookie o per cambiare le impostazioni, vedere la nostra policy “Privacy e cookie”. Cliccando per confermare di essere un investitore qualificato e proseguire nella navigazione, si acconsente all’uso dei cookie.

Tipo di investitore

Copertura delle classi di azioni

M&G offre classi di azioni con copertura valutaria in molti comparti destinati a investitori privati. Le classi coperte hanno la funzione di attenuare l'impatto sulla performance delle fluttuazioni dei tassi di cambio fra l'esposizione valutaria del comparto e la valuta di elezione dell'investitore. Ad esempio, è possibile che un investitore che utilizza l'euro per acquistare un fondo obbligazionario in sterline desideri ottenere solo il rendimento derivante dalle obbligazioni in quest'ultima valuta. Una classe di azioni denominata in euro offrirebbe tale esposizione, subendo però anche l'impatto dei movimenti fra la sterlina e l'euro. Al contrario, una classe di azioni con copertura in euro potrebbe mitigare tale effetto, consentendo all'investitore di esporsi al solo andamento delle obbligazioni in sterline.

È bene considerare che la copertura valutaria non è mai perfetta: può infatti tentare di ridurre l'impatto sulla performance delle oscillazioni del tasso di cambio fra l'esposizione valutaria del comparto e la valuta scelta dall'investitore, ma non eliminarlo completamente.

Nei fondi M&G la copertura valutaria viene assunta attraverso strategie di "replica" o "look through", a seconda del comparto.

Copertura a replica

La replica è una strategia di copertura in cui la valuta di base del comparto viene coperta attraverso contratti valutari a termine di entità pari al valore patrimoniale netto della classe di azioni. L'obiettivo perseguito è replicare quanto più da vicino possibile la performance della classe di azioni nella valuta di base, riducendo il rischio derivante dalle oscillazioni del tasso di cambio fra la valuta della classe coperta e la valuta di base del comparto.

Esempio di replica: M&G Optimal Income Fund

Per gli investitori al di fuori del Regno Unito, sono disponibili diverse classi di azioni con copertura valutaria per il comparto M&G Optimal Income Fund. Hanno la funzione di ridurre l'impatto sulla performance delle oscillazioni del tasso di cambio fra la valuta di base del comparto, la sterlina, e la valuta alla quale è esposto l'investitore. Queste classi di azioni offrono quindi a chi investe in valute diverse dalla sterlina una performance simile a quella ottenuta dagli investitori in sterline.

Copertura "look through"

La copertura delle classi di azioni di tipo "look through" punta a mitigare l'impatto dei movimenti valutari sulle posizioni del comparto denominate in valute diverse da quella della classe di azioni coperta. Adotta un approccio "voce per voce", in base al quale ogni valuta viene coperta separatamente.

Esempio di "look through": M&G Global Convertibles Fund

Il comparto M&G Global Convertibles Fund investe in un'ampia gamma di valute. Per fornire una classe di azioni con copertura valutaria è necessario coprire l'esposizione "voce per voce". Ad esempio, l'intera esposizione in dollari USA sarà coperta contro le fluttuazioni del dollaro rispetto alla valuta della classe di azioni; l'intera esposizione in sterline sarà coperta contro le fluttuazioni della sterlina e così via; non è coperta l'esposizione nella valuta delle singole classi di azioni. L'effetto netto equivale grosso modo a detenere un portafoglio con copertura valutaria totale.

Opinioni del gestore sulle valute

Vale la pena di notare che la copertura a replica a livello di classe di azioni non incide sull'impatto di eventuali posizioni valutarie assunte dal gestore per il portafoglio sottostante. Questo non vale per la copertura "look through", in cui tutte le posizioni valutarie sono coperte rispetto alla valuta della classe di azioni.

Attuazione della copertura

La copertura valutaria per le classi di azioni dei fondi M&G che prevedono tale strategia viene realizzata da State Street, azienda specializzata nella fornitura di questi servizi a prezzi competitivi.

State Street mette in atto le coperture valutarie su base giornaliera. Abbiamo concordato intervalli di tolleranza all'interno dei quali State Street si impegna a gestire la copertura delle nostre classi di azioni, e sono prossimi al 100%. M&G effettua una verifica trimestrale delle operazioni condotte da State Street per la copertura dei fondi.

Precisione della copertura e differenze di performance

Il processo di copertura non è perfetto, pertanto ci sarà sempre una certa deviazione rispetto alla performance di una classe di azioni in teoria perfettamente coperta. Esistono cinque possibili cause di tale deviazione.

1. Differenziale di tasso d'interesse
Il prezzo di un contratto a termine su valute (FFX) viene definito sulla base del tasso a pronti (o "spot") e della differenza tra i tassi d'interesse sulle due valute coinvolte.

Ad esempio, se i tassi d'interesse sono al 4% nel Regno Unito e al 2% nell'Eurozona, il prezzo di un contratto a tre mesi dovrebbe tenere conto dell'extra interesse dello 0,5% (un quarto del tasso annuale) che un investitore otterrebbe detenendo sterline anziché euro.

Nei periodi in cui i tassi d'interesse sono molto simili nelle varie aree valutarie, il differenziale è molto basso e ha un impatto modesto sui rendimenti delle classi di azioni con copertura. Tuttavia, in un ambiente di tassi d'interesse molto diversi tra la valuta di esposizione del comparto e quella della classe di azioni con copertura, il differenziale di tasso sarà più ampio e anche lo scarto di performance sarà maggiore.

Esiste anche il rischio che in situazioni di mercato turbolente, le quotazioni dei contratti FFX non riflettano i tassi d'interesse delle valute pertinenti in relazione alla duration. In tale scenario, non è detto che il differenziale di tasso d'interesse si comporti come nell'esempio appena descritto.

2. Profitti e perdite non realizzati
Nell'arco della vita di un contratto FFX i tassi di cambio fra le due valute oscilleranno intorno al livello indicato nel contratto. Ciò provocherà un profitto o una perdita nominale che non diventa "reale" fino al momento in cui il contratto viene estinto e si effettua il regolamento in contanti. L'importo del profitto o della perdita deve essere considerato ai fini del valore patrimoniale netto della classe di azioni coperta, ma non può essere investito dal gestore. Se un contratto FFX in essere sta generando un profitto, l'importo corrispondente rappresenta di fatto un drenaggio di liquidità sulla performance fino alla chiusura del contratto stesso, mentre se il contratto è in perdita accade l'inverso.

3. Costi di attuazione e incertezza del valore patrimoniale
La sottoscrizione di contratti FFX a fini di copertura dell'esposizione valutaria implica delle spese di transazione, che saranno tanto più elevate quanto più è frequente l'adeguamento della posizione coperta (con la sottoscrizione di nuovi contratti o il rinnovo di quelli esistenti).

Nei periodi di volatilità del NAV delle classi di azioni coperte e/o dei tassi di cambio, le spese di transazione saranno particolarmente alte. Per le classi di azioni il cui NAV risulta più volatile, il grado di imperfezione della copertura sarà maggiore e l'esigenza di ricorrere a operazioni FFX potrebbe essere più frequente.

Nell'intento di ridurre le spese di transazione, M&G ha definito un cuscinetto di tolleranza al di sopra e al di sotto del rapporto di copertura obiettivo, in modo da sottoscrivere nuovi contratti solo in caso di superamento di tali soglie.

4. Differenze di tempistica
Considerando il tempo necessario per la valutazione delle classi di azioni in ogni giorno lavorativo e la preparazione delle attività di copertura, c'è uno scarto temporale fra il momento di valutazione del comparto, a mezzogiorno, e il momento in cui le coperture valutarie vengono messe in atto (in genere, fra le 17:00 e le 19:00). A causa di questo fenomeno, una classe di azioni con copertura può risultare momentaneamente sovra o sottocoperta.

5. Indisponibilità di contratti a termine
Non sempre sono disponibili contratti a termine adeguati per tutte le valute e, in alcuni casi, può essere necessario ricorrere a una moneta terza detta "proxy", ossia una valuta ragionevolmente correlata a quella dell'asset in questione. Laddove non sia possibile individuare una proxy idonea, la copertura non sarà istituita.

Spesa

Le classi di azioni con copertura valutaria implicano una spesa aggiuntiva, specificata nel prospetto informativo del comparto interessato. L'entità di tale commissione è la stessa, indipendentemente dall'approccio di copertura adottato (replica o look through).

Per ulteriori informazioni

Cyveillance Protected

Il presente sito è concepito ad uso esclusivo degli investitori qualificati ed è fornito ad esclusivo uso personale. Le informazioni contenute in questo sito non sono rivolte ad altri utenti.

Il valore degli investimenti è destinato a oscillare, determinando movimenti al rialzo o al ribasso dei prezzi dei Fondi, pertanto è possibile che non si riesca a recuperare l'importo originariamente investito.