Non è mai troppo tardi per cambiare il tuo futuro finanziario

Torna alla pagina precedente

Sguardo rivolto al futuro

In diverse fasi della vita avremo speranze, sogni, timori e problemi diversi. Mostrarci finanziariamente pronti a qualsiasi cambiamento ci presenti la vita è essenziale per il raggiungimento dei nostri obiettivi e per la gestione degli imprevisti. Ciò significa comprendere le problematiche cui potremmo dover far fronte e le opportunità disponibili lungo il percorso per raggiungere il tipo di futuro finanziario cui aspiriamo.

Nel luglio del 2016, M&G in collaborazione con GFK, ha condotto un sondaggio in Italia che ha rilevato un livello elevato di dispersione tra le priorità finanziarie degli intervistati, come mette in luce il grafico seguente:

Allocation-ITA-Priorities-image 

Indubbiamente, buona parte di noi darà probabilmente la priorità a ciascuno di questi fattori in diverse fasi della propria vita, motivo per il quale è importante considerare attentamente le proprie necessità finanziarie attuali e pensare a come esse potrebbero variare negli anni.

In primo luogo, è opportuno adoperare una distinzione tra necessità essenziali ed esigenze supplementari. Ecco un possibile esempio nella tabella seguente:

Necessità essenziali Livello minimo di reddito/capitale necessario per esigenze di base relative allo stile di vita
Sogni e ambizioni Ad esempio viaggi, hobby, avvio di un’attività, sostegno alle generazioni più giovani per il primo acquisto immobiliare
Costi inaspettati Spese sanitarie, emergenze familiari, perdita di impiego
Trasmissione dell’eredità Lasciare un’eredità

Comprensibilmente, dal nostro sondaggio è emerso che le necessità essenziali, sia attese che inattese, rappresentano la priorità finanziaria.

Allocation-ITA-Preoccupa-image 

Detenere risparmi in banca sembra rappresentare il modo migliore per essere in grado di far fronte alle attuali necessità essenziali e, per la maggior parte delle persone, questa è la priorità assoluta.

Tuttavia, per quello che concerne la realizzazione di ulteriori obiettivi, come l’ambizione di avviare un’attività propria, organizzare una vacanza indimenticabile, aiutare i propri figli ad accedere all’università o nell’acquisto della prima casa, o avere la libertà di godersi una pensione agiata, a volte neanche un risparmio oculato potrebbe essere sufficiente, in particolare quando i tassi di interesse restano a livelli contenuti. Ciascun individuo dovrebbe pertanto analizzare la propria possibilità di assumere un certo livello di rischio finanziario facendo fruttare parte della propria liquidità tramite investimenti, o classi di attività, con un potenziale di crescita più elevato rispetto al denaro.

Non è mai troppo presto, né troppo tardi

Tutti questi fattori potrebbero spaventare, spingendoci a rimandare decisioni importanti che avranno un impatto sul nostro stile di vita negli anni a venire. Oppure si potrebbe temere di aver perso l’opportunità di realizzare un futuro migliore in base alle decisioni già prese rispetto ai propri risparmi e investimenti.

Oltre la metà degli intervistati afferma di aver iniziato a risparmiare dopo i 40 anni, pertanto non dovrebbe sorprendere che solo il 16% ritiene di aver preso le misure adeguate per il proprio pensionamento, con il 48% che afferma di rimpiangere di non aver iniziato a risparmiare prima.

Allocation-ITA-Table-image

Non è mai troppo presto, né troppo tardi, per apportare svolte significative al proprio futuro finanziario, anche se ciò potrebbe richiedere l’adozione di un approccio diverso rispetto a quello assunto in precedenza.

L’approccio più idoneo dipenderà dalla propria situazione personale. Ciascun individuo dovrà valutare lo stile di vita cui poter aspirare realisticamente, in base alle proprie circostanze attuali e future, e in base al livello di rischio che si è disposti ad assumere per raggiungere i propri obiettivi personali. Parlare con un consulente finanziario può aiutare a determinare tali fattori.

A ciascuno il suo

Ci sono diversi tipi di investimento disponibili ed è molto importante comprendere i possibili rischi ad essi connessi. È opportuno tenere in considerazione il fatto che investire in beni con un potenziale di rendimento più elevato possa incrementare il rischio di perdita di capitale, o di non riuscire a recuperare l’importo originariamente investito.

Se si è alle prime armi con gli investimenti, o semplicemente non si hanno il tempo o le risorse di gestire il proprio portafoglio finanziario, si potrebbe optare per l’investimento in un fondo. Un fondo è un veicolo di investimento dove il denaro di molti investitori è accumulato per acquistare un portafoglio di azioni e obbligazioni di impresa, o altri asset, ed è gestito da un professionista del settore per il raggiungimento di un obiettivo di investimento.

Un tipo di fondo diffuso tra coloro che preferiscono delegare le decisioni complesse relative all’allocazione del patrimonio è il fondo multi-asset. I fondi bilanciati ripartiscono il capitale su diverse classi di attivi. Ciò offre accesso a una gamma di opportunità di crescita all’interno di un unico portafoglio. Inoltre, conciliare diversi tipi di attivi rappresenta un modo ben consolidato di gestire il rischio.

Il valore degli investimenti e il reddito da essi derivante provocheranno movimenti sia al ribasso sia al rialzo del prezzo del Fondo. Qualsiasi investimento in azioni o titoli a reddito fisso implica un rischio più elevato della liquidità in deposito. Il valore di un investimento in azioni o titoli a reddito fisso è soggetto a oscillazioni. Le opinioni espresse nel presente documento non sono da intendersi come raccomandazioni, consigli o previsioni.

Fonte di tutti i grafici: GFK, luglio 2016